lunedì 12 aprile 2010

ARTISTA O ILLUSTRATRICE?


Come artista ho sempre molto amato lavorare per i libri: nel 1995 avevo preparato una mostra dedicata alle Città Invisibili di Italo Calvino, curata dallo storico Leo Lecci dell'Università di Genova ed esposta nella Biblioteca Civica di Sanremo (IM) (trovate alcuni lavori nel mio sito9 . In seguito ho illustrato un libro di poesie per bambini ("Un Giro di Giostra" di F.Vincitorio, ed CEI, 2001) e non è stato difficile: le poesie erano carine e mi avevano subito ispirato delle immagini.
Ma lavorare alla copertina di una rivista con regolarità ha richiesto un impegno non indifferente.
Ogni due mesi dovevo consegnare un'illustrazione che potesse sia rappresentare quel particolare momento dell'anno, magari fare riferimento agli eventi ( locali, nazionali o anche internazionali...). All'inizio è stato facile, come lavorare su un terreno fertile e  ancora da esplorare.  Avevo tante idee e una dopo l'altra davo loro spazio: il Veliero Mongolfiera, la Città che veniva piano piano cucita sul foglio con  un grosso ago, la Citta che si muove a tempo di musica, mentre un capelluto violinista vagamente Chagalliano suona...Un Bovindo pendente dalla Gru del Porto di Imperia Oneglia...
Ma con il passare del tempo mi sono resa conto che le mie idee si stavano esaurendo...Certo non potevo riproporre un'idea già presentata!
Oggi sono a circa cinquanta copertine e  proporre un'illustrazione nuova non è semplice.
Mi aiuta molto  guardare il lavoro dei miei illustratori preferiti: Saul Steimberg, Jean-Jacques Sempé,  André François, Franco Matticchio. Ma a volte l'idea nasce guardando una rivista.
Una volta in una vignetta di un articolo di Finanza sul New Yorker, vidi un omino in mongolfiera che gettava la sua testa...Eureka! La copertina che feci in quel periodo ritraeva un uomo in poltrona che leggeva il giornale. La moglie gli portava il caffé.  Tutti e due erano senza testa. ... erano posate sul tavolino vicino che chiacchieravano...direte voi: ma che c'entra?  Non so, è stata un'associazione di idee nella mia testa...attaccata al collo per bene, però!!!