sabato 20 marzo 2010

ANALOGIE LINGUISTICO-ARTISTICHE





Mi sono occupata per molti anni di studi linguistici (lavoravo come traduttrice), di insegnamento e poi , man mano che la mia esperienza  artistica cresceva, mi sono divertita ad organizzare  laboratori artistico-creativi.  Non avevo esperienza nel campo, quindi ho applicato e adattato ciò che conoscevo e mi  sono accorta che ho ottenuto buoni risultati utilizzando le stesse strategie.
Alcuni studi mi sono stati più utili di altri, certamente, ad esempio gli studi linguistici di Saussure e Noam Chomsky e gli studi pedagogici di Antoine De la Garanderie.  A questi  devo aggiungere la lettura di vari creativi, i miei prediletti: Betty Edwards, Bruno Munari, e l'antico ma mai tramontato Leonardo da Vinci

La diversificazione del lavoro è importante: durante un corso, cerco di attraversare due + una fase di lavoro: il lavoro di "riscaldamento" (rompiamo il ghiaccio, sciogliamo la mano...un po' come quando si fa negli allenamenti sportivi), segue il lavoro "tecnico-conoscitivo" (in cui spiego una particolare tecnica, o se vogliamo espandere  al campo linguistico, una regola o struttura  grammaticale) e il lavoro "progetto" in cui usiamo quello che abbiamo imparato.

Per mettere a punto le mie strategie didattiche mi servo di tutti i possibili strumenti scoperti nell'apprendere  in altri campi, campi nei quali mi sono messa in discussione facendo IO l'allieva.......
Esplorando mondi diversi ho imparato  "ad imparare" in modi  diversi.
Ho praticato tennis per molto tempo e , come molti sportivi (anche campioni!), ho sperimentato il blocco e l'ansia della competizione....In allenamento va tutto bene, siamo tutti bravissimi, quando però arriva il momento cruciale della competizione, non ci sembra vero, che, con tutto il lavoro che abbiamo fatto, le strategie che ci siamo preparati, non viene fuori che qualche timido attacco e sbagliamo anche quello che sappiamo fare benissimo!
Per poter vincere o portare a termine una gara  ci si rende conto che non basta la tecnica o l'allenamento. Serve  "qualcosa in più" .
Quando dobbiamo creare qualcosa di "artistico" o comunque dobbiamo trovare una soluzione "creativa" serve  fare un "salto "
E' una parola, però! In teoria sembra facile: l'abitudine alla "competizione",  al "creare qualcosa" non verrà mai A COMANDO!

Nell'arco di anni mi sono messa alla prova  e ho sperimentato tante strategie diverse, a volte sull'onda dell'istinto.
Uno di queste  è l' aggiunta di  un elemento inaspettato da mettere in gioco.
Questo fa sì che l'allievo, per portare a termine il progetto debba ...trovare una soluzione  appunto non tradizionale.
Mi aiuta  molto leggere ogni tanto  "La Tecnica Mentre Opero" di Bruno Munari, tratto da "Codice Ovvio" a cui ho dedicato un post che ho pubblicato  qui.
L' artista, che ha la soluzione creativa nel momento in cui lavora ha una marcia in più rispetto a uno che usa soluzioni preconfezionate...e questo è valido per lo scienziato, il filosofo, il traduttore, l'insegnante, l'artigiano, lo studente, il contadino, la mamma, l'impiegato..

p.s. nell'immagine il lavoro di un allieva, dal vero, eseguito con acrilici, utilizzando i soli tre fondamentali su disegno a pastello blu ( carta da disegno  di 200 grammi).