lunedì 1 agosto 2011

Beniamina e il Diavolo, ovvero: storia di un racconto mai pubblicato...



Qualche anno fa incontro per strada un'amica di vecchia data che mi dice: "Illustreresti un racconto per bambini che ho scritto? Ti avviso, l' argomento non è dei più semplici: parla del Diavolo.." Naturalmente accetto, da buona temeraria quale sono. Lei lavora in una biblioteca e, nell'esaminare una serie di cronache ecclesiastiche dell'estremo ponente ligure del XVII secolo si imbatte nella curiosa storia di Beniamina. Beniamina, dopo essere scomparsa da casa per quattro giorni, torna a casa e, forse per evitare di essere sgridata, dice di essere stata rapita dal diavolo (tutti uguali i bambini, ieri come oggi!). Per questo episodio viene interrogata dal vescovo in persona (ecco perchè l'episodio compare nelle cronache dell'epoca).
La storia non ha un finale come lo intendiamo noi per le nostre storie di oggi, non c'è la cattura del colpevole, non si scopre chi è...finisce bene perchè Beniamina torna a casa sana e salva. Ma la mia amica bibliotecaria-scrittrice fantastica sulla figura del diavolo: forse era un giovane che viveva in disparte, nel bosco - magari brutto, ma di buon cuore (visto che la bambina riesce a scappare), magari bisognoso solo di compagnia...


qui tento di dare forma al suo volto..ma non lo voglio malvagio...

piuttosto un po' vergognoso del suo aspetto, scorbutico...
Questa è la casa di Beniamina


Lavoro parecchio, faccio molti bozzetti, ...arrivo con fatica alle tavole definitive.., le piacciono,...cerchiamo pure un editore, ne troviamo uno piccolo, ma intenzionato ...e lei si tira indietro. Come scusa dice che il racconto presenta delle lacune....o forse...Non le erano piaciute le tavole e non osava dirmelo!!!
Col senno di poi, riguardandole, penso di aver fatto un lavoro mediocre, ma a distanza di anni rivedendoli, questi primi bozzetti mi hanno invece stupito.

Ricordo che scartai questo disegno perchè lo pensai poco adatto ad un libro per bambini..che sbaglio!
Una cosa l'ho imparata...la prima impressione, in questo caso la prima impressione gettata sulla carta, E' DA TENERE SEMPRE IN GRANDE CONSIDERAZIONE!!! Per quel che mi riguarda, quando ritorno su un soggetto lo rovino!....sigh! :=((


Questa invece è una delle definitive (il vescovo con i suoi prelati in visita alla casa della bambina)...

Non la farei mai e poi mai così, la rifacessi ora! ...

p.s. ce l'ho fatta a finire questo post! ...grazie di cuore a quelli che mi leggono..soprattutto a quelli che ieri hanno letto il mio buffo "enjambement"!