sabato 19 aprile 2014

AUGURI

AUGURI A TUTTI I MIEI AMICI
dalla  prossima settimana comincerò il trasloco dello studio
e sarò presa tra scatole  e scatoloni
aspettatemi che torno!

venerdì 11 aprile 2014

LE MIE ILLUSTRAZIONI PER IL NEW MAGAZINE IMPERIA

La Pigra Luna di Cristina Berardi

Da quando è iniziata la mia collaborazione con il New Magazine , ho questa piccola "sfida"  con l'Editrice. La mia copertina ha un titolo ma viene di volta in volta interpretata in maniera sorprendente.
L'anno passato abbiamo lanciato anche un piccolo concorso in cui chiedevamo ai lettori di  cimentarsi nella creazione di un racconto o breve saggio su una delle mie copertine.Ne è stato fatta una raccolta molto piacevole da leggere
Il libro è acquistabile direttamente dalla casa editrice CENTRO EDITORIALE IMPERIESE
...Il libro è stato presentato alla Fiera del Libro di Imperia  2013 (qui il post)
Che pensate di questa Pigra Luna?

martedì 1 aprile 2014

Bologna's Children Bookfair 2014



Poco dopo il corso Progettare Libri di cui ho parlato nel post precedente, ho avuto  un incontro con le compagne del corso. Si parlava di libri, progetti e lavoro. Ho fatto vedere il mio libro"La Cosa Importante" e  abbiamo insieme guardato come si sarebbe potuto migliorare...Le critiche costruttive aiutano sempre.
Fra le altre cose che ci si diceva, una delle compagne mi dice  ad un certo punto "tu non sei illustratrice".
Lì per lì non ci ho riflettuto. Ma poi  tornando a casa ho pensato.

Si, pensavo, profondamente vero: non sono  illustratrice. Un'illustratrice illustra qualcosa per lavoro...io  lavoro come illustratrice, ma non solo, faccio l'insegnante,  scrivo e illustro cose mie.....Un'Illustratrice è un po' come una Traduttrice (lavoro che per un certo periodo ho svolto a tempo pieno). L' illustratrice  illustra , traduce in immagini, il lavoro di altri, ma anche suo...Ma allora, come posso definirmi?
Le definizioni , di per sé, sono riduttive. Appena se ne trova una, subito ci sta stretta.
Mi sento come Ninno Nessuno, l'uccellino della storia di Ruth Thompson, nato da un uovo caduto dal nido che non sa di che specie sia.
Questa piccola crisi d'identità poco prima di partire per Bologna ha modificato tutto il mio punto di vista della Fiera. 
Quest'anno sono partita senza portare progetti  con me  (solo il biglietto da visita - fanzina che ho messo all'inizio del post...che nessuno, tra l'altro, ha capito come si leggeva...che disastro :=)
A Bologna  mi aspettavano gli amici, e le splendide colline bolognesi.
L'agriturismo dove vado è molto bello, i prati sono pieni di fiori
La domenica ho passeggiato con la mia famiglia e il mio cane


Lunedì ero pronta per la fiera. Ho fatto tantissime foto.  Ecco la bacheca con i Bologna Ragazzi Award





Questo libro a quadretti mi ha fatto pensare a un gioco di quando ero piccola, una tavola di plastica con tanti buchi in cui infilare  chiodini colorati...chissà perché...

c'era una versione di Cenerentola moderna


... e una di Biancaneve




Grazie ai miei studi recenti ho potuto notare questo leporello



Allo stand Logos c'era Ana Juan che firmava i suoi libri


Ho passeggiato a lungo per gli stand







C'era una sezione dedicata ai libri intitolata "Amo chi legge e gli regalo un libro". C'erano tanti libri appesi al muro come quadri, si potevano sfogliare.










Ho pensato di passare un po' di tempo a vedere le cose che mai avevo avuto tempo di guardare, sempre presa a  studiare case editrici probabili datrici di lavoro. 


Che bello questo libro di bamboline giapponesi origami



I giovani illustratori " unpublished" coreani sono i miei preferiti. I loro libri sono  molto poetici, e si possono leggere anche senza conoscere la loro lingua. Li ho scoperti l'anno scorso e quest'anno ci ho passato un bel po' di tempo.
Avrei voluto fotografare l'interno, ma un ragazzo molto gentile mi ha chiesto di non farlo...e così vi dovete contentare dei miei racconti.

Questo libretto mi ha attirato in modo particolare. Si intitola "La Montagna Spinosa". Non ha parole, semplicemente un'altissima montagna  nera (sembra in xilografia) che attraversa le pagine fino al cucuzzo che vedete in copertina. In ogni pagina la  montagna è abitata da case, animali , cose strane...bellissima

Questo ha acquarelli che usano solo i toni del grigio e del nero, paesaggi  disegnati su pennellate con piccoli segni di pennino.
Questo è illustrato con pastellli e matite  in stile "scarabocchio" di bimbo

Questo , sempre a pastello, ma  con stile più "adulto"



Questi ombrelli sulle nostre teste  non ricordo dove li ho fotografati

Non mi sono persa Kastumi Komagata che parlava del suo lavoro
"I do not make books, I  create conditions in which books can be made...."
Forse anche lui non è illustratore!!!


Bellissima la mostra di Nina Wherle and Evelyne Laube "It's raining elephants"
Secondo me, non sono illustratrici neanche loro!














Questo disegno fatto con le dita me le ha fatte sentire molto vicine!


Il secondo giorno mi sono dedicata alla Mostra Illustratori : 80 illustratori scelti fra i tremila (dei quali una sono io) .
Se volete approfondire  su questa Mostra potete leggere i post di Anna Castagnoli del blog Le Figure dei Libri, che quest'anno ha fatto parte della Giuria.
Anna ha fatto un'interessantissima visita guidata , spiegando le ragioni che avevano portato alla scelta degli illustratori in mostra...Io ho ripensato alle "Matitiadi" che avevo mandato...




Manuel Marsol, Spain, "Superastronaut", watercolour and collage.

Min Ji Kim, South Korea, "7 Penguins"

Manon Gautier, from Quebec, "Mon Parc"

Futsomu Fujitsima, Japan, "Time after Time"

Jisun Lee, South Korea, "Little boy, big dreams", mixed media


Dylan Giles, UK, " Klim's Carriage"




Michio Watanabe, Japan, "A life to learn", mixed media

MaiKa Hayasaka, Japan, "The Fried Egg Factory", pencil

Verena Hocleitner, Austria , "Kotoletta"


Arianna Vairo, Italy, "Hoka Key, Storia degli ultimi giorni di Cavallo Pazzo", pencil


Liuna Virardi, Italy, "Tribes", rubber stamps and ink


Amin AssanzadehSharif, Iran, ""Det Bla Tree", scratchboard with oilcolours

Chinatsu Hagino , Japan, "Popochie Village"
,
Trine Logstrup Sorensen, Denmark, "Town of the Cats", drawing and photoshop

Anastasia Strockova, Czech Republic, An Elephant who was afraid of height", litography, coloured pencil

Anastasia Strockova, Czech Republic, An Elephant who was afraid of height", litography, coloured pencil


Pnilipo Giordano, Italy "Momotaro"

Catarina Sobral, Portugal, "O meu avo"

Oscar  Sabini, Italy, collage


Valentina Piacenza, Italia, "Pages of Air and Water" acrilico e collage


Toni Pecoraro, Italy, "Bononia", etching, aquatint


Miguel Pang Ly, Spain, "La Invasion Marciana" ,watercolour on paper

Miguel Pang Ly, Spain, "La Invasion Marciana" ,watercolour on paper

Miguel Pang Ly, Spain, "La Invasion Marciana" ,watercolour on paper


Pesca Nekono, Japan, "The penguin with the black egg", woodcut print, stamp made with eraser


Rebecca Palmer, UK, "Rudulphous and Brown, watercolour, gouache,,acrilic, ink

Rebecca Palmer, UK, "Rudulphous and Brown, watercolour, gouache,,acrilic, ink

Mario Onnis, Italy, "AeB", pencil

Quest'anno l'ospite d'onore era il Brasile. Una sorpresa di colori, freschezza e originalità (mia opinione, naturalmente)




Andres Sandoval, laureato in architettura e urbanismo,
selezionato alla Biennale di Bratislava

questo bimbetto a cavallo dell'astronave non si trova nel catalogo...e non ricordo il nome dell'autore...forse anche lui...un outsider? :=)


"Poemas para Brincar"
Luiz Maia, artista e illustratore




Fernando Vilela, artista, scrittore e insegnante,  "Limpido e Lancelot".....mi dice qualcosa :=)

Aggiungi didascalia
Ale Abreu, lavora anche nel campo dei film di animazione
(luci fiera incorporate!)



Parto martedì da Bologna carica di immagini e con ancora tanti quesiti a cui rispondere.

Se qualcuno volesse leggere la mia traduzione in inglese (libera, naturalmente, almeno quando mi traduco me lo posso permettere!) la trova qui
una delle mie illustrazioni per Bologna
Se qualcuno volesse leggere e vedere di più sulla Fiera  (il mio post rappresenta solo una piccola parte), vi consiglio il blog  di Ilaria Mozzi, Illustrilla,  che di giorni in fiera ne ha passati tre...ma , per quello che è riuscita a fare e vedere...sembrano di più!
(Questo è l'effetto Fiera...poi quando si torna...si guarisce!)